In Rome Today.it


In Rome Today.it





Museo dell'Ara Pacis di Roma

Le informazioni per la visita, l'acquisto di biglietti, le informazioni storiche e le foto del Museo dell'Ara Pacis di Roma.
Museo dell'Ara Pacis a Roma
Museo dell'Ara Pacis -  Lungotevere in Augusta - Roma

L'Ara Pacis fu restituita al pubblico dopo un lungo periodo di inaccessibilità, dettato dai necessari lavori per realizzare le condizioni più idonee alla conservazione del monumento nel lungo periodo. Ad un esame dell'altare eseguito negli anni Novanta, le sue condizioni erano risultate così preoccupanti da spingere l'Amministrazione Comunale a prendere un impegno tanto importante: sostituire la teca basata su un'idea Morpurgo nel 1938 perché del tutto insufficiente a proteggere il prezioso monumento di età augustea dalle polveri, dai gas di scarico, dalle vibrazioni, dagli sbalzi di temperatura e di umidità, e musealizzare l'Ara Pacis secondo i più moderni criteri di conservazione.

Gli spazi del museo progettato dallo studio dell'architetto statunitense Richard Meier, sono modulati sul contrasto luce e penombra. Particolarmente legati a questo effetto, risultano i primi due corpi di fabbrica: dopo una zona in penombra, la Galleria di accesso, si passa al padiglione centrale che ospita l'Ara Pacis, nella piena luce naturale che filtra attraverso 500 mq di cristalli; questi, pur non interrompendo visivamente la continuità con l'esterno, favoriscono il silenzio necessario per il pieno godimento del monumento. Nella quiete dell'isolamento acustico è possibile apprezzare i ritmi pacati dei motivi decorativi; assistere allo scorrere del corteggio, posto lungo i fianchi del recinto dell'Ara, composto dalle massime cariche sacerdotali di età augustea e dai membri della famiglia imperiale, guidati dallo stesso Augusto; ripercorrere le mitiche origini di Roma e le glorie augustee che hanno donato all'impero la possibilità di vivere tempi tanto felici da essere denominati seculum aureum.

Museo dell'Ara Pacis L'Horologium Augusti, l'Ara Pacis
e il Mausoleo di Augusto nella ricostruzione di Edmund Buchner
(da Buchner 1976)
"Quando tornai a Roma dalla Gallia e dalla Spagna, sotto il consolato di Tiberio Nerone e Publio Quintilio, portate felicemente a termine le imprese in quelle province, il Senato decretò che si dovesse consacrare un'ara alla Pace augustea nel Campo Marzio e ordinò che in essa i magistrati, i sacerdoti e le vergini vestali celebrassero ogni anno un sacrificio".

È con queste parole che Augusto nelle Res Gestae, suo testamento spirituale, ci ha tramandato la volontà del Senato di costruire un altare alla Pace, a seguito delle imprese da lui portate a termine a nord delle Alpi tra il 16 e il 13 a.C., tra cui l'assoggettamento dei Reti e dei Vindelici, il controllo definitivo dei valichi alpini, la visita alla Spagna finalmente pacificata, la fondazione di nuove colonie e l'imposizione dei nuovi tributi. La dedicatio dell'Ara Pacis, la sua inaugurazione, ebbe luogo il 30 gennaio del 9 a.C. Sembra, stando alla testimonianza dello storico Cassio Dione (LIV, 25.3), che in un primo momento il Senato avesse proposto di edificare l'altare all'interno della sua stessa sede, la Curia, ma l'idea non ebbe seguito e fu preferito il Campo Marzio settentrionale, di recente urbanizzazione. L'altare dedicato alla pace veniva così a trovarsi, non a caso, al centro del vasto pianoro sul quale tradizionalmente si svolgevano le manovre dell'esercito, della cavalleria e, in tempi più recenti, le esercitazioni ginniche della gioventù romana.

La costruzione dell'Ara, su decisione dello stesso Augusto, avvenne nel Campo Marzio settentrionale, in quella zona, prossima al confine sacro della città (pomerium), dove quindici anni prima Ottaviano aveva voluto edificare il suo Mausoleo, la tomba dinastica, ed ora, preso il titolo di Augusto, si apprestava a costruire, contemporaneamente all'Ara Pacis, il grande orologio solare che da lui avrebbe preso il nome, l'Horologium o Solarium Augusti. Il greco Strabone ci ha lasciato un resoconto ammirato della Roma augustea, che in quegli anni si andava estendendo tra la via Lata, attuale via del Corso, e l'ampia ansa del Tevere. Dopo aver descritto la pianura verdeggiante, ombreggiata da boschi sacri, dopo aver detto dei portici, dei circhi, delle palestre, dei teatri e dei templi che vi erano stati edificati, Strabone passa a parlare della sacralità del Campo Marzio settentrionale, sancita appunto dalla presenza del Mausoleo e dell'ustrinum, nel quale, nel 14 d.C., verranno bruciate le spoglie mortali del principe. Tra il Mausoleo e l'ustrinum si trovava un bosco sacro, ricco di amene passeggiate. A sud-est invece, distanti circa 300 metri dal Mausoleo, sorgevano l'Horologium e l'Ara Pacis - in verità non descritti da Strabone - che delimitavano l'area del campus alla quale Augusto affidava la sua memoria.

L'impianto urbanistico-ideologico ideato per il Campo Marzio settentrionale ebbe vita breve e nel giro di pochi decenni l'integrità dell'Horologium risultò compromessa. Nell'area si determinò un generale e inarrestabile innalzamento di quota, dovuto in gran parte agli straripamenti del Tevere; si cercò di proteggere l'Ara Pacis con la costruzione di un muro che arrestasse il processo di innalzamento del terreno, ma ovviamente a nulla valse questa precauzione contro il continuo processo di interramento dell'intera area: il destino dell'Ara Pacis appariva dunque segnato e la sua obliterazione irreversibile. Per più di un millennio il silenzio calò sull'Ara Pacis, facendo perdere persino la memoria del monumento.


Ara Pacis Ricostruzione dell'Ara Pacis originale.
Il recupero dell'Ara Pacis, iniziato nel XVI secolo, si è concluso, tra ritrovamenti fortuiti e scavi mirati, solo quattro secoli dopo con la ricomposizione del monumento che risultò compiuta nel 1938. La prima notizia del riaffiorare dell'altare dalle fondamenta del palazzo di via in Lucina (successivamente di proprietà Peretti, poi Fiano, poi Almagià) ci è fornita da un'incisione di Agostino Veneziano eseguita prima del 1536 che raffigura un cigno ad ali spiegate con un'ampia porzione del fregio a girali: segno evidente che a quella data la corrispondente lastra dell'Ara Pacis era già nota. Un successivo recupero risale al 1566, anno in cui il cardinale Giovanni Ricci da Montepulciano acquistò 9 grandi blocchi di marmo scolpiti, provenienti dall'Ara. Dopo questi ritrovamenti, non si ha più notizia dell'altare fino 1859, quando Palazzo Peretti, ormai divenuto di proprietà del duca di Fiano, richiese lavori di consolidamento durante i quali fu visto il basamento dell'altare e numerosi altri frammenti scolpiti, non tutti estratti "per l'angustia del sito e pel timore di mettere in pericolo i muri del palazzo". In quella occasione furono recuperati numerosi frammenti del fregio a girali, ma solo nel 1903, a seguito del riconoscimento dell'Ara operato da Friedrich von Duhn, fu inoltrata una richiesta al Ministro della Pubblica Istruzione per la ripresa dello scavo. Il suo accoglimento fu possibile grazie anche alla generosa offerta di Edoardo Almagià, che oltre a dare il suo assenso all'esplorazione, donò anticipatamente quanto sarebbe stato recuperato sotto il suo palazzo ed offrì un consistente contributo economico per le spese dello scavo. Nel luglio 1903, iniziati i lavori, fu subito chiaro che le condizioni erano estremamente difficili e che alle lunghe poteva essere compromessa la stabilità del palazzo. Pertanto, esplorata circa metà del monumento e recuperati 53 frammenti, lo scavo venne interrotto.
Nel febbraio 1937, il Consiglio dei Ministri in vista del bimillenario della nascita di Augusto decretò la ripresa dello scavo, con l'impiego di tecniche di avanguardia. Tra il giugno e il settembre 1938 contemporaneamente allo scavo, si svolsero i lavori del padiglione, che avrebbe ospitato la ricostruzione dell'Ara Pacis sul Lungotevere. Il 23 settembre, il giorno stesso di chiusura dell'anno augusteo, Mussolini inaugurò il monumento.

Ara Pacis L'Ara Pacis.
Esterno: Il recinto è posto su un grande basamento marmoreo, quasi interamente di restauro, suddiviso in due registri decorativi: quello inferiore vegetale, quello superiore figurato, con rappresentazione di scene mitiche ai lati dei due ingressi e con un corteo di personaggi sugli altri lati. Tra di essi è una fascia di separazione con un motivo a svastica, ampiamente ricostruita. Registro superiore. Lato ovest Sul lato sinistro della fronte del recinto, si conserva il pannello con la raffigurazione del mito della fondazione di Roma: Romolo e Remo vengono allattati dalla lupa alla presenza di Faustolo, il pastore che adotterà e alleverà i gemelli, e di Marte, il dio che li aveva generati unendosi con la vestale Rea Silvia. Al centro della composizione è rappresentato il fico ruminale, sotto il quale vennero allattati i gemelli. Sull'albero si possono distinguere gli artigli di un uccello, nel 1938 completato al tratto come un'aquila, ma forse un picchio che, come la lupa, è sacro a Marte. Il dio è rappresentato nelle sue vesti guerriere, munito di lancia, elmo crestato ornato da un grifo e corazza sulla quale si distingue la testa di una Gorgone. Sulla destra della fronte del recinto è visibile il rilievo che raffigura Enea, già avanti negli anni, che sacrifica ai Penati e pertanto è ritratto in veste sacerdotale con il capo coperto, nell'atto di fare un'offerta su un altare rustico. La parte finale del braccio destro è andata perduta, ma quasi certamente sorreggeva una patera, una coppa rituale, come fa supporre la presenza di un giovane assistente al rito (camillus) che porta un vassoio con frutta e pani e una brocca nella mano destra. Un secondo assistente al rito sospinge una scrofa verso il sacrificio, probabilmente sul luogo stesso in cui verrà fondata la città di Lavinium se si interpreta la scena alla luce dell'VIII libro dell'Eneide. Recentemente, tuttavia, è stato ipotizzato che il personaggio che sacrifica sia Numa Pompilio, il secondo dei sette re, che proprio nel campo Marzio celebrò un sacrificio alla concordia tra sabini e romani, in occasione del quale venne sacrificata una scrofa. Lato Est A sinistra del lato est del recinto, è il pannello con la raffigurazione della Tellus, la Terra madre, ovvero, secondo una diversa interpretazione, Venere, madre divina di Enea e progenitrice della Gens Iulia, cui appartiene lo stesso Augusto. Un'ulteriore lettura interpreta questa figura centrale come la Pax Augusta, la Pace, da cui l'altare prende nome. La dea siede sulle rocce, vestita di un leggero chitone. Sul capo velato, una corona di fiori e di frutta. Ai suoi piedi, un bue ed una pecora. La dea sostiene ai suoi lati due putti, uno dei quali attira il suo sguardo porgendole un pomo. Nel suo grembo, un grappolo d'uva e dei melograni completano il ritratto della divinità genitrice, grazie alla quale prosperano uomini, animali e vegetazione. Ai lati del pannello due giovani donne, le Aurae velificantes, l'una seduta su un drago marino, l'altra su un cigno, simbolo rispettivamente dei venti benefici di mare e di terra. Sul pannello di destra si conserva invece un lacerto del rilievo della dea Roma. La figura rappresentata, è stata completata "a graffio" su malta. In considerazione del fatto che è seduta su un trofeo di armi, non può essere che la dea Roma, la cui presenza va letta in stretta relazione a quella della Venere-Tellus, poichè la prosperità e la pace sono garantite da Roma vittoriosa. La dea è rappresentata come un'amazzone: il capo cinto dall'elmo, il seno destro denudato, il balteo a tracolla che sorregge una corta spada, un'asta nella mano destra. Molto probabilmente facevano parte della scena le personificazioni di Honos e Virtus, posti ai lati della dea, nelle sembianze di due giovani divinità maschili. Sui lati nord e sud, sono rappresentate due affollate schiere di personaggi, che si muovono da sinistra verso destra; tra di essi compaiono sacerdoti, assistenti al culto, magistrati, uomini, donne e bambini, la cui identità storica è ricostruibile solo in via ipotetica. L'azione compiuta dal corteo non è del tutto certa: infatti secondo alcuni, la scena rappresenta il reditus di Augusto, cioè la cerimonia di accoglienza tributata al princeps al ritorno dal suo lungo soggiorno in Gallia e in Spagna; secondo altri, rappresenta l' inauguratio della stessa Ara Pacis, cioè la cerimonia durante la quale, nel 13 a.C., si procedette a delimitare e consacrare lo spazio sul quale sarebbe sorto l'altare. Il corteggio, su entrambi i lati del recinto, è aperto dai littori, seguiti da membri dei massimi collegi sacerdotali e forse dai consules. Subito dopo iniziano a sfilare i membri della famiglia di Augusto. Sul lato Sud, sono stati riconosciuti con certezza lo stesso Augusto, coronato di alloro, i quattro flamines maiores, sacerdoti dal caratteristico copricapo sormontato da una punta metallica, Agrippa, raffigurato con il capo coperto dal lembo della toga e con un rotolo di pergamena nella mano destra ed infine il piccolo Gaio Cesare, suo figlio, che si tiene alle vesti paterne. Agrippa è l'uomo forte dell'impero, amico e genero di Augusto, di cui ha sposato in seconde nozze la figlia Giulia. E' inoltre padre di Gaio e Lucio Cesari, adottati dal nonno e destinati a succedergli nel comando. Gaio è rivolto verso la figura femminile che lo segue, nella quale è solitamente riconosciuta Livia, la sposa del principe, rappresentata con il capo velato e la corona di alloro che ne fanno una figura di alto rango. Secondo un'interpretazione più recente, questa figura andrebbe invece identificata con Giulia, che qui comparirebbe a seguito del marito e del suo primogenito Gaio. Nella figura maschile che segue viene generalmente riconosciuto Tiberio, anche se questa identificazione va messa in dubbio in considerazione del fatto che il personaggio indossa dei calzari plebei, particolare che non si addice a Tiberio, discendente da una delle famiglie romane di più antica nobiltà. Al cosiddetto Tiberio fa seguito un gruppo familiare, probabilmente formato da Antonia Minore, nipote di Augusto, da suo marito Druso e dal loro figlioletto Germanico. Druso è l'unico ritratto in vesti militari, con la caratteristica veste militare, il paludamentum: infatti nel 13 a.C. egli si trovava impegnato a combattere le tribù germaniche ad est del Reno. Segue un secondo gruppo familiare, verosimilmente formato da Antonia Maggiore, nipote di Augusto, dal suo sposo Lucio Domizio Enobarbo, console nel 16 a.C., e dai loro figli Domizia e Gneo Domizio Enobarbo, futuro padre di Nerone. Lato Nord Iniziando la lettura da sinistra, tra i personaggi che sfilano è stato riconosciuto Lucio Cesare, secondogenito di Agrippa e Giulia, anch'egli adottato da Augusto. Qui è raffigurato come il più piccolo dei fanciulli, condotto per mano. La figura femminile velata che segue potrebbe essere quella della madre Giulia, verso la quale convergono gli sguardi di quanti stanno intorno. Molti però ritengono che Giulia andrebbe riconosciuta sull'altro lato del corteggio, al posto di Livia che la verrebbe quindi a sostituire su questo lato. La figura matronale posta alle spalle della Giulia / Livia, è generalmente riconosciuta come Ottavia Minore, sorella di Augusto. Tra le due donne si staglia in primo piano la figura di un giovanetto, riconosciuto come terzo figlio di Agrippa e della prima moglie di lui Marcella Maggiore. Alle spalle di Ottavia è ben visibile la piccola Giulia Minore che in quanto nipote di Augusto, gode il diritto di comparire per prima tra le bambine presenti alla cerimonia. Resta invece molto incerta l'identità delle figure alle spalle della piccola Giulia. Registro inferiore. Lati nord e sud Il registro inferiore del recinto è decorato con un fregio vegetale composto da girali che partono da un rigoglioso cespo di acanto; dal centro dell'acanto si innalza verticalmente una candeliera vegetale. Dai girali dell'acanto si sviluppano foglie di edera, di alloro, di vite, si dipartono viticci e palmette, e laddove gli steli si assottigliano, avvolgendosi a spirale, sbocciano fiori di ogni varietà. Nella fitta vegetazione trovano ospitalità piccoli animali e venti cigni ad ali spiegate, che scandiscono il ritmo della composizione. Questo rilievo vegetale è stato spesso riferito alla IV Ecloga di Virgilio, dove il seculum aureum, il ritorno dell'età felice e pacifica si annuncia con la produzione copiosa e spontanea di frutti e messi. Aldilà del richiamo generico alla fertilità e all'abbondanza, conseguente al ritorno dell'età dell'oro, il fregio può essere letto anche come un'immagine della pax deorum, della conciliazione delle forze divine che reggono l'intero universo, resa possibile dall'avvento di Augusto.

Interno: L'Ara Pacis, composta da un recinto che racchiude laltare propriamente detto, riproduce le forme di un templum minus, così descritto da Festo: "I templa minora sono creati dagli Auguri (sacerdoti) recingendo i luoghi prescelti con tavole di legno o con drappi, in modo che non abbiano più di un ingresso, e delimitando lo spazio con formule stabilite. Dunque il tempio è il luogo recintato e consacrato in modo da restare aperto su un lato ed avere angoli ben fissati a terra". Se si fa eccezione per gli ingressi, che nel caso dell'Ara Pacis sono due, questa descrizione si adatta particolarmente bene a questo monumento e alla sua decorazione interna che, nella parte inferiore, rappresenta il tavolato di legno che, nei templi arcaici, delimitava lo spazio "inaugurato" con formule sacre. L'interno del recinto si presenta, come l'esterno, diviso in due zone sovrapposte e separate da una fascia decorata a palmette: nel registro inferiore la decorazione, semplificata, sembra riprodurre il motivo delle assi del recinto in legno che delimitava lo spazio sacro; il registro superiore invece è arricchito da un motivo di festoni e bucrani (teschi animali) intervallati da paterae o coppe rituali. Anche questo motivo rimanda alla decorazione che veniva posta sopra la recinzione lignea, in questo caso ornata con ghirlande straordinariamente cariche di spighe, di bacche e di frutta di ogni stagione, sia coltivata che spontanea, fissate ai sostegni tramite vittae, o bende sacre.

Altare: L'Ara Pacis è composta da un recinto che racchiude la mensa, l'altare propriamente detto sul quale si offrivano le spoglie animali e il vino. La mensa occupa quasi totalmente lo spazio interno al recinto, dal quale è separato da uno stretto corridoio il cui pavimento si presenta leggermente inclinato verso l'esterno, in modo tale da favorire la fuoriuscita delle acque, sia piovane che dei lavacri successivi ai sacrifici, attraverso canalette di scolo aperte lungo il perimetro. L'altare è costituito da un podio di quattro gradini sul quale poggia un basamento, che presenta altri quattro gradini sulla sola fronte. Sopra di essi si eleva la mensa, stretta tra due avancorpi laterali. Le due sponde laterali presentano acroteri a volute vegetali e leoni alati. Sull'interno della sponda sinistra si distinguono le Vestali, sei in tutto, rappresentate a capo coperto: sono le virgines nominate dal pontifex maximus, la massima carica sacerdotale, scelte tra le fanciulle aristocratiche comprese tra i sei e i dieci anni di età, le quali restavano custodi del fuoco sacro per 30 anni. Qui le vediamo nel corso della cerimonia accompagnate da aiutanti. Del fregio che fronteggia quello delle Vestali, non rimane invece che un frammento con due figure, la prima delle quali rappresenta un sacerdote, più esattamente un flamen, mentre nel personaggio che segue si è voluto riconoscere lo stasso Auguto, forse rappresentato nella veste di pontifex maximus, carica che assunse nel 12 a.C., proprio mentre l'Ara Pacis era in costruzione. Sulla sponda destra esterna si conserva una processione con tre animali, due bovini e una pecora, condotti al sacrificio da dodici addetti (victimarii). Nelle loro mani gli strumenti del sacrificio: i vassoi, il coltello, la mazza e il ramo d'alloro per l'aspersione. Sono preceduti da un togato (o forse un sacerdote) accompagnato da aiutanti e assistenti al culto. Molto probabilmente, i frammenti del fregio dell'altare sono riferibili ad un sacrificio, forse quello stesso alla Pax Augusta che il Senato aveva decretato si celebrasse ogni anno, il 30 gennaio, nella ricorrenza della consecratio dell'altare.

Come arrivare

- in metro: la fermata più vicina è Spagna (linea A). Poi a piedi in Via Condotti fino al Lungotevere dove sorge il Museo dell'Ara Pacis.
- in autobus: linee n° 40, 85, 628.

Orari: dal martedì alla domenica dalle 9 alle 19; il 24 e 31 dicembre dalle 9 alle 14; chiuso il lunedì, il 1° gennaio, il 1° maggio ed il 25 dicembre. La biglietteria chiude un'ora prima.
Biglietto d'entrata: intero € 10,50, ridotto € 8,50. Per i cittadini residenti nel Comune di Roma (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza) intero € 8,50, ridotto € 6,50. Gratito per minori di 6 anni.
Ridotto per cittadini dell'Unione Europea di età compresa tra i 6 e i 25 anni; residenti del Comune di Roma di età compresa tra i 20 e i 25 anni; docenti con incarico a tempo indeterminato delle scuole statali e comunali; iscritti all’Istituzione Biblioteche di Roma Capitale, in possesso di Bibliocard; possessori di abbonamento annuale ATAC e di Metrebus card annuale, possessori della card RomaPass relativamente all'ingresso dal 3° sito in poi.
Per la gratuità si rimanda al sito ufficiale che enumera tutte le categorie che possono accedere al titolo gratuito d'entrata.
Accessibilità ai disabili: ingresso tramite rampa. Percorso espositivo privo di barriere architettoniche. Servizi igienici omologati.
Telefono: 0039.06.0608
Sito Web: Museo dell'Ara Pacis

In Rome Today è aggiornato ogni giorno

© In Rome Today
Tutti i diritti riservati